Blog

Local SEO: cos’è e come usarla

La ricerca locale nel web è in continuo aumento tra gli utenti, sia da mobile che da fisso. Come fare allora per comparire tra i risultati di ricerca per una determinata zona? Ecco i due strumenti da usare:

  1. Google My Business
  2. Ottimizzazione del sito aziendale in ottica Local SEO

Che cos’è la Local SEO?

La Local SEO consiste nell’ottimizzazione del proprio business per le ricerche locali nei motori di ricerca. E’ una strategia di marketing importante per imprese come hotel, ristoranti e negozi che hanno bisogno di essere trovati. Vediamo come impostarla e come usarla. 

Google My Business per fare local SEO

In ambito local SEO è Google a farla da padrone. Avete mai notato che quando cercate un determinato business nel web, nella parte destra della pagina appare un riquadro con tutte le info relative all’esercizio (mappa, sito web, orari)? Quello è il risultato della gestione di Google My Business. Si tratta di uno strumento gratuito fornito da Google che consente di inserire tutti i dati relativi all’attività così che siano facilmente reperibili a chi cerca. Tra i dati che si possono inserire ci sono:

  • tipologia di attività (ristorante, hotel, negozio ecc)
  • indirizzo fisico
  • recapiti telefonici/fax/mail
  • orari di apertura
  • giorni di chiusura
  • orari particolari
  • foto degli ambienti e/o dei prodotti
  • accessibilità

In particolare l’inserimento dell’indirizzo fisico, incrociato con la tipologia di attività, permette a Google My Business di dialogare con Google motore di ricerca e Google Maps, inserendo così la struttura tra i risultati quando qualcuno cerca quel determinato servizio nella zona corrispondente.

Google My Business: tante utili funzionalità

Le funzionalità di Google My Business non si limitano solamente alla localizzazione geografica. La dashboard presenta diverse altre voci come dati statistici, recensioni, foto, gestione delle sedi per attività multisede, collegamento agli annuncio di Ad Words Express. C’è perfino la possibilità di creare un sito web che raccoglie tutte le info e le foto inserite in Google MyBusiness. Può essere uno strumento utile per piccole realtà che non hanno la possibilità di farsi fare un sito web strutturato e vogliono avere un semplice sito vetrina monopagina. Approfondirò a breve tutte le funzionalità di Google My Business, per il momento è importante sapere di doverlo usare per far trovare la proprio attività su Google.

Come attivare Google My Business

L’attivazione è semplice! Basta andare alla homepage di GoogleMyBusiness, loggarsi con il proprio account Gmail o crearne uno nuovo e inserire i dati sull’attività. A quel punto Google richiederà la verifica della sede. Trattandosi di localizzazione fisica, Google vuole  essere certo che siamo realmente i proprietari dell’attività di cui stiamo rivendicando la gestione. Per farlo basta procedere alla richiesta dell’invio di una cartolina fisica all’indirizzo postale. La cartolina contiene un codice univoco di identificazione. Una volta ricevuta, è sufficiente entrare in GoogleMyBusiness e inserire il codice alla voce “verifica attività”. A quel punto, la scheda viene pubblicata.

Una volta impostato il tutto, è importante tenere aggiornata la scheda, inserendo sempre nuove foto, aggiornando gli orari sopratutto nei periodi di chiusura per ferie, monitorando le statistiche e rispondendo alle recensioni. Bisogna considerare questo canale di marketing come un secondo sito da tenere aggiornato costantemente.

Ottimizzazione del sito aziendale in ottica di localizzazione

Sembra un’attività complessa ma non lo è. Si tratta in sostanza di inserire il riferimento geografico dell’attività nei metadati del sito. Per i siti in WordPress o portali come Wix, si può fare autonomamente. Diversamente sarà il webmaster a occuparsi del tutto. Ecco quali informazioni implementare:

Metadescrizione delle pagine

E’ utile inserire l’indicazione della città nella metadescrizione della homepage e di tutte le pagine del sito. La metadescrizione deve sempre contenute: nome struttura + tipo attività + città

Esempio: ” Residenza i Pini – Hotel 3 stelle a Trento” .

Per la pagina delle stanze si può invece usare “Le camere della Residenza ai Pini, hotel 3 stelle a Trento”

Sito responsive

Oramai è scontato che un sito sia responsive, ossia si adatti automaticamente al dispositivo da cui viene visualizzato (desktop, tablet o mobile). E’ importante assicurarsi che la versione mobile sia ordinata e tutti le informazioni essenziali facilmente reperibili. Tutti i template di WordPress, gratuiti o a pagamento, oramai offrono questa funzionalità.

Inserimento della mappa nel sito

Nel menu del sito è bene inserire una voce “Dove siamo” o “Come raggiungerci” che rinvii alla mappa interattiva di Google Maps. In questo modo l’utente, cliccando su di essa, potrà verificare velocemente il tragitto per arrivare alla struttura. Le informazioni su localizzazione e contatti devono essere chiare e facilmente reperibili nel sito, in particolare nella versione mobile dove la navigazione tra le pagine può risultare più complessa. Per inserire la mappa in un sito WordPress, basra usare l’apposito plugin.

Conclusioni

Tutti i business che hanno una sede fisica hanno un vantaggio dall’essere rintracciabili nei motori di ricerca, ma in particolare le attività come bar, ristoranti, hotel ne trarranno un sicuro aiuto per le vendite. Implementare Google My Business e ottimizzare il sito in ottica Local SEO sono due attività da includere nella strategia di web marketing di queste realtà. Se ti serve aiuto nell’implementazione della local SEO della tua attività, contattami!

Iscriviti alla newsletter
e scarica subito la guida PDF gratuita
Come creare la Buyer Persona
Iscriviti alla newsletter
e scarica subito la guida PDF gratuita
Come creare la Buyer Persona